ULTIMI POST

Benessere, motivazione, miglioramento personale, strategie per allenare il corpo e la mente e per vivere più in forma!

RINFORZA IL TUO SISTEMA IMMUNITARIO IN MODO NATURALE

di Antonio Natale

Piccoli trucchi che possono supportare in maniera efficace il nostro naturale sistema di difesa

 

Il nostro sistema immunitario risponde ad innumerevoli stimoli durante il corso di tutta la nostra vita. È continuamente esposto a sfide, sempre pronto a rispondere ad ogni tipo di “sollecitazione” esterna.


Molto spesso però, dimentichiamo che le sollecitazioni esterne, non riguardano solo le infezioni o virus, ma possiamo sollecitare il nostro sistema immunitario anche se siamo costantemente allarmati per altri “agenti esterni o che riteniamo tali”.


Inattività fisica, carenze nutrizionali, stimolazione di ormoni dello stress, perdita dei ritmi circadiani, eccessivo utilizzo di dispositivi retroilluminati, pensieri ricorrenti e negativi, sensazione di pericolo e disidratazione, sono tra le principali e continue sfide che il nostro sistema immunitario modula per far si che il nostro corpo sia protetto e pronto a reagire. [1-4]


Una giornata simile in cui sfidiamo particolarmente il nostro sistema immunitario è per esempio svegliarsi dopo le 9 del mattino, non fare colazione, bere bevande zuccherate, rimanere sul divano tutta la mattinata guardando spesso i social network, pranzare con alimenti ricchi in sale, come affettati e prodotti processati (pancarrè, patatine, salame, merendine, etc.), nel pomeriggio bere una cioccolata calda ed a cena, mentre magari intavoliamo una lite con un parente o mentre guardiamo il notiziario in tv, mangiamo una pizza o un piatto di pasta, rimanendo svegli sino almeno all’una.
Sfidare per troppo tempo il nostro sistema immunitario non permette a quest’ultimo di lavorare in maniera efficiente nei confronti di infezioni come virus e batteri. La letteratura scientifica è ormai concorde su quanto alcune semplici ma efficaci regole seguite in maniera ligia, possono rendere il nostro sistema immunitario un valido alleato per tutta la durata della nostra vita.


Primo aspetto importante sono i ritmi circadiani, rispettare adeguate ore di sonno (almeno 7 durante la notte) ed un  risveglio tra le 5 e le 8 del mattino, permette un’ottima stimolazione di innumerevoli ormoni in supporto sia del risveglio (alcuni esempi: cortisolo, adrenalina, testosterone ed estradiolo), che del riposo notturno (alcuni esempi: melatonina, prolattina).


Ovviamente dobbiamo ricordare che di per se il cortisolo (definito ormone dello stress) è essenziale per innumerevoli funzioni nel nostro organismo, ma se in eccesso esso diventa dannoso. Difatti, è l’ormone del combatti o fuggi, attiva i sensi, aumenta il battito cardiaco, altera la pressione arteriosa, ha azioni sul sistema riproduttivo, tiroideo e tante altre funzioni, compresa la sua influenza sul sistema immunitario.
Per questo e tante altre motivazioni, molti studi hanno dimostrato quanto la regolare attività fisica, in orari preferibilmente mattutini, grazie alla stimolazione di miochine (sostanze antinfiammatorie), adeguate ore di sonno notturno, pensieri positivi, coltivare hobby  e ricercare il relax durante le ore pomeridiane e serali ed una alimentazione a carattere antinfiammatorio (cibi a PRAL negativo) [Quali sono? li vedremo un altra volta], sono strumenti indispensabili per rendere il nostro sistema immunitario efficiente in qualsiasi situazione, anche d’emergenza. [5-11]

Semplici trucchi possono supportare in maniera efficace il nostro naturale sistema di difesa:

  • Svegliarsi presto (entro le 8 del mattino);
  • Bagnarsi il viso ed i polsi con acqua fredda per qualche minuto;
  • Effettuare esercizi fisici. Potrebbe bastare salto con la corda, salire e scendere le scale, salti sul posto, corsa sul posto o altro, semplici esercizi che però prevedano una variabilità cardiaca (alternare un minuto di riposo ad un minuto di esercizio per 5-10 volte) in base alle abilità personali;
  • Effettuare un’abbondante colazione, preferendo alimenti ricchi in fibre e minerali (magari abbinandoli ad un’integrazione completa come il Melcalin VITA (Integratore di vitamine e minerali specifici, CHE PROPONGO SPESSO) [12-19]);
  • Evitare pensieri ricorrenti e pensieri negativi;
  • Chiamare persone piacevoli e che ci divertono;
  • Leggere un libro, usare poco i dispositivi retroilluminati (es. telefoni, tablet, pc);
  • Cenare con vegetali e alimenti funzionali (cibi a PRAL negativo), utili per non sollecitare troppo il sistema digerente, in una finestra oraria in cui non deve lavorare troppo;
  • Fare un bagno caldo, utile per dare un segnale ulteriore di relax e di preparazione al sonno.

 

  ANTONIO NATALE

 


 


Bibliografia

  1. National Library of Medicine www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000818.htm
  2. Zapatera B, Prados A, Gómez-Martínez S, Marcos A. Immunonutrition: methodology and applications. Nutr Hosp. 31 Suppl 3:145-54. 2015
  3. Albers R et al.  Markers to measure immunomodulation in human nutrition intervention studies. Br J Nutr. 94(3):452-81. 2005
  4. Calder PC & Kew S. The immune system: a target for functional foods? Br J Nutr 88, Suppl. 2, S165–S177. 2002
  5. Buxton OM, Cain SW, O'Connor SP, Porter JH, Duffy JF, Wang W, et al. Adverse metabolic consequences in humans of prolonged sleep restriction combined with circadian dis- ruption. Sci Transl Med; 4:129ra43. 2012.
  6. Scheer FA, Hilton MF, Mantzoros CS, Shea SA. Adverse metabolic and cardiovascular consequences of circadian misalignment. Proc Natl Acad Sci USA;106:4453–8. 2009.
  7. Wittert G. The relationship between sleep disorders and testosterone. Curr Opin Endocrinol Diabetes Obes ;21:239–43. 2014.
  8. Albers R et al.  Markers to measure immunomodulation in human nutrition intervention studies. Br J Nutr. 94(3):452-81. 2005
  9. Chandra RK. McCollum Award Lecture: Nutrition and immunity: lessons from the past and new insights into the future. Am J Clin Nutr 53, 1087–1101. 1991
  10. Chandra RK . Effect of vitamin and trace-element supplementation on immune responses and infection in elderly subjects. Lancet 340, 1124–1127. 1992
  11. Scrimshaw NS & SanGiovanni JP. Synergism of nutrition, infection and immunity: an overview. Am J Clin Nutr 66, 464S–477S. 1997
  12. Shaik-Dasthagirisaheb YB, Varvara G, Murmura G, Saggini A, Caraffa A, Antinolfi P, Tete' S, Tripodi D, Conti F, Cianchetti E, Toniato E, Rosati M, Speranza L, Pantalone A, Saggini R, Tei M, Speziali A, Conti P, Theoharides TC, Pandolfi F. Role of vitamins D, E and C in immunity and inflammation. J Biol Regul Homeost Agents. 27(2):291-5. 2013
  13. Tamura J, Kubota K, Murakami H, Sawamura M, Matsushima T, Tamura T, Saitoh T, Kurabayshi H, Naruse T. Immunomodulation by vitamin B12: augmentation of CD8+ T lymphocytes and natural killer (NK) cell activity in vitamin B12-deficient patients by methyl-B12 treatment.  Clin Exp Immunol. 116(1):28-32. 1999
  14. Cheng CH, Chang SJ, Lee BJ, Lin KL, Huang YC. Vitamin B6 supplementation increases immune responses in critically ill patients. Eur J Clin Nutr. 60(10):1207-13. 2006
  15. Martin Hewison. Vitamin D and the immune system: new perspectives on an old theme. Endocrinol Metab Clin North Am. 2011
  16. Stephensen CB. Vitamin A, infection, and immune function. Annu Rev Nutr. 21:167-92. 2001
  17. Holick, Michael F. Medical progress: Vitamin D deficiency. N ENGL J MED. 357; 3. 2007
  18. Zittermann A. Vitamin D and disease prevention with special reference to cardiovascular disease. Prog Biophys Mol Biol;92:39-48. 2006
  19. Martin Hewison . Author manuscript;  Vitamin D and the immune system: new perspectives on an old theme. Endocrinol Metab Clin North Am. 2011
 

Scarica ora l'invito!

Il primo passo verso il benessere

Scarica l'invito gratuito